News

Un dolcissimo Natale con i regali solidali (e sostenibili) di Sacra Famiglia

Nuovi regali e dolcissime sorprese solidali sono in arrivo da Fondazione Sacra Famiglia, per trascorrere le feste natalizie virtualmente insieme agli ospiti, che a causa della pandemia non possono ricevere visite, nemmeno a Natale. Attiva da oltre 120 anni, Sacra Famiglia accoglie, cura e accompagna bambini, adulti e anziani che soffrono di complesse o gravi fragilità o disabilità fisiche, psichiche e sociali. Per sostenere la Fondazione è possibile scegliere quest’anno dei doni natalizi speciali, buonissimi e sostenibili, perché confezionati in contenitori di metallo belli e riutilizzabili. Il Panettone Serafini, per esempio: un grande classico, un prodotto artigianale in splendida scatola con motivi natalizi. O la Ciocco-Lattina, una elegante latta di metallo rossa decorata con fiocchi di neve che contiene deliziosi cioccolatini alla crema di nocciola. Per donare un aroma particolare alle Feste c’è poi la confezione di tè di Sacra Famiglia, profumato e prezioso, e infine la grande novità 2020: il Calendario dell’Avvento, 24 finestrelle che nascondono 24 cioccolatini per contare i giorni che ci separano dalla vigilia di Natale e condividere l’attesa soprattutto con i più piccoli. Non dimentichiamo infine i biglietti natalizi e la possibilità di destinare a Sacra Famiglia un contributo libero, a fronte del quale il donatore riceverà una lettera di auguri personalizzata, firmata dal presidente don Marco anche a nome di tutti gli ospiti di Sacra Famiglia.

Per scegliere i regali e ordinarli direttamente online clicca qui

READ MORE
News

Adotta un albero e dedicalo a chi vuoi tu

«Una pianta non parla, questo è il problema. Non ti dice che sta male. E quando te ne accorgi, spesso è troppo tardi»: Massimiliano Rigacci, agrotecnico (nella foto), è da tre anni il responsabile della manutenzione del verde in Sacra Famiglia, curata dalla ditta Isi grazie a quattro giardinieri attivi nella sede di Cesano Boscone. La sede è infatti immersa in un’area di oltre 70mila mq di verde in cui vivono più di 800 alberi, alcuni dei quali centenari o rari. 
 
Per salvaguardarli e permettere loro di continuare a offrire a ospiti e visitatori un ambiente piacevole e rilassante, è partito il progetto «Adotta un albero» con cui è possibile diventare “tutori” di un platano, un cedro o una magnolia per essere certi che rimanga in salute. «Tra temporali tropicali, tornadi, bombe d’acqua, estati torride e inverni che non sono più inverni, gli alberi si disorientano, soffrono, si ammalano», spiega Rigacci. «E se non si interviene, purtroppo alla fine muoiono e cadono». Con conseguenze immaginabili, e costi elevati: basti pensare che la manutenzione di un grande albero, come un platano o un tiglio, richiede 300-400 euro l’anno se è sano, fino a 1000 se ha qualche problema. 
 
Per questo Sacra Famiglia lancia la campagna «Adotta un albero»: la possibilità cioè di prendersi cura a distanza dei nostri “giganti” più belli ma bisognosi di cure; donando una cifra simbolica (a partire da 150 euro) è possibile adottare un albero e, se lo si desidera, dedicarlo a una persona cara grazie a una targhetta commemorativa. 
 
 
Nella foto: Massimiliano Rigacci con uno dei suoi pazienti”
READ MORE
News

Il tuo 5×1000 a Sacra Famiglia

“Un giorno mi hanno chiesto se dovessi scegliere tra riprendere a camminare, a respirare, a parlare o a mangiare cosa avrei preferito. Io ho risposto che vorrei tanto parlare.”

Inizia così il racconto di Salvina: una storia di coraggio e di forza. Salvina è una combattente: da anni lotta contro la SLA ed è ospite della nostra sede di Inzago dal 2012.

Mamma e moglie, aveva una vita piena e soddisfacente, fino alla diagnosi: “una doccia gelata”, come la descrive lei, che però non l’ha mai abbattuta. Salvina non può parlare, ma ha trovato il modo di raccontare al mondo la sua storia in un libro, grazie a un sistema computerizzato con cui compone le parole scegliendo con lo sguardo le lettere su uno schermo. Oltre a scrivere, partecipa alle molteplici attività della sede e ha tanti sogni: uno su tutti è stato quello di poter parlare di nuovo. “Che bello poter dire nuovamente «ti voglio bene»! Ero una chiacchierona e non poterlo più fare è stata una vera tortura. E poi c’è il sogno di poter continuare a comunicare, a parlare con i miei figli, con mio marito, con tutte le persone che amo, grazie all’aiuto della tecnologia. Il mio computer è uno strumento indispensabile, non potrei più rinunciarci! Tutte le persone come me dovrebbero poterlo usare.”

Questo è il sogno che oggi voglio affidare a te: realizzare i sogni di Salvina e di altri ospiti come lei. Basta una tua firma sulla dichiarazione dei redditi, infatti, per farci arrivare il tuo prezioso sostegno.

Destina il tuo 5×1000 a Fondazione Sacra Famiglia. È facile e veloce: cerca nel tuo 730, CU o Modello Redditi il riquadro destinato alle Onlus, inserisci il nostro codice fiscale 03034530158 e la tua firma, non ti costa nulla, poiché si tratta di una percentuale di tassazione che resta allo Stato, in caso non effettui una scelta.

È un piccolo gesto con un valore immenso, perché ci permetterà di prenderci cura dei nostri ospiti, impegnandoci a realizzare anche i sogni e desideri che ci confidano ogni giorno.

Ora è il momento di agire: firma vicino al nostro codice fiscale sulla tua dichiarazione dei redditi. Dai a tutti i nostri ospiti un sogno realizzato da festeggiare.

Il 5×1000 non costa nulla: è una forma di sostegno per le Onlus che non comporta oneri aggiuntivi per i cittadini che la scelgono. Il contribuente sceglie la destinazione di una quota della propria IRPEF, il 5×1000 non è né una donazione né una tassa aggiuntiva, bensì una percentuale di un importo già dovuto allo Stato che non destinata viene comunque trattenuta dallo Stato stesso.

READ MORE
News

Autismo: una casa per vivere meglio

Si avvicina a Varese la partenza ufficiale del progetto “Blu Home“, gli appartamenti didattici per l’autismo di Sacra Famiglia. L’iniziativa, unica nel suo genere in Europa, mira ad offrire alle famiglie di bambini e ragazzi con autismo l’occasione di essere seguiti da un’équipe altamente specializzata con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita e correggere eventuali comportamenti disadattivi.

In pratica si tratta di quattro appartamenti ampi e moderni, di nuova realizzazione, che potranno ospitare altrettante famiglie: qui genitori e figli vivranno per periodi di dieci giorni, come se fossero a casa loro, ma costantemente monitorati e affiancati dagli operatori di Sacra Famiglia che, coordinati dal professor Lucio Moderato, direttore dei Servizi Innovativi per l’autismo di Fondazione, avranno il compito di definire il programma di educazione.

Le abitazioni, realizzate con il sostegno di Fondazione Vodafone, Spazio Blu, Hermonie Care e Fondazione Pasquinelli, si trovano all’interno di una palazzina rinnovata da Sacra Famiglia nel verde e nella tranquillità del quartiere Casbeno, a Varese. Gli appartamenti sono dotati di apparecchiature domotiche e arredati con particolari accorgimenti autismo-friendly, così da renderli quanto più funzionali per i bambini con disturbo dello spettro autistico.

Ogni appartamento sarà monitorato a distanza da uno psicologo e da un educatore: dopo la prima giornata dedicata all’accoglienza e al dialogo, genitori e bambini saranno osservati per 2-3 giorni, nelle ore diurne, attraverso un sistema di telecamere nascoste, senza alcun intervento da parte degli operatori. In seguito svolgeranno attività guidate dai professionisti, per correggere eventuali errori e suggerire strategie alternative. Il settimo giorno sarà quindi dedicato al riposo reciproco, mentre nelle ultime tre giornate i professionisti si limiteranno a osservazioni del comportamento della famiglia per verificarne i miglioramenti. Non mancherà il diario di bordo, che servirà ai genitori per annotare momenti particolari di ciascuna giornata, valutati poi dai professionisti di Sacra Famiglia. Il 17 settembre è la data di partenza del progetto, quando si svolgerà ufficialmente l’inaugurazione degli appartamenti; sabato 19 settembre è poi fissato l’Open Day di Blu Home, una giornata aperta al pubblico in cui tutti gli interessati potranno visitare le abitazioni e toccare con mano arredi e soluzioni abitative, ricevendo tutte le spiegazioni necessarie direttamente dagli operatori.

Le famiglie interessate possono rivolgersi a:

Blu Home, via Campigli 41/43 Varese, tel. 0332 327911

bluhomesacrafamiglia.it

READ MORE
Mariapia GaravagliaNews

Nuovo presidente di Casa di Cura Ambrosiana

Mariapia Garavaglia

Nuovo incarico per Mariapia Garavaglia, presidente dell’Associazione Amici di Sacra Famiglia nonché ex parlamentare e ministro della Sanità del governo Ciampi, che nella seduta del Consiglio di Amministrazione di Casa di Cura Ambrosiana S.p.A. del 6 luglio 2020 è stata nominata Presidente: a lei un caloroso benvenuto e un sincero augurio di buon lavoro.

Garavaglia succede alla dottoressa Paola Pessina, che rimane nel CdA e a cui vanno i ringraziamenti di tutta Sacra Famiglia.

READ MORE
News

Ascoltiamo le famiglie

Si avvicina, anche se non c’è ancora una data, la riapertura delle strutture sociosanitarie, chiuse da inizio emergenza.

Ma quali sono i desideri delle famiglie degli ospiti? Sacra Famiglia l’ha chiesto alle famiglie di Cesano con un’indagine telefonica che si è conclusa il 14 maggio, con numeri altissimi: sono state raggiunte 437 famiglie di due RSA e otto RSD (l’88% del campione), a cui sono state poste domande utili a programmare la riapertura, quando ci saranno le condizioni.

La prima parte del questionario ha fatto emergere un dato impressionante: in una settimana media pre-Covid, i parenti in visita dall’esterno erano circa 800, con una concentrazione importante nel fine settimana.
La seconda parte ha sondato il gradimento (e il “fastidio”) per le misure anti-contagio che potrebbero essere prese nelle residenze. Quali? Nonostante un’alta consapevolezza della criticità della situazione e della necessità di restrizioni, le famiglie non apprezzerebbero particolarmente la limitazione del contatto fisico (idea sgradita al 34% del campione) o l’installazione di pannelli in plexiglass (bocciato dal 45%); il 98% invece dice sì al controllo della temperatura all’ingresso, a guanti e mascherine (95%) e agli incontri limitati a zone esterne al nucleo (il 90% accetterebbe senza problemi). Un’analisi più approfondita dei dati permetterà anche di valutare le diverse abitudini, esigenze e aspettative dei familiari di ospiti in RSA e RSD.

READ MORE
News

Ciao dalla Borsieri

Da tre anni gli anziani della RSA Borsieri hanno dei piccoli amici: i bambini della scuola dell’Infanzia Papa Giovanni XXIII di Lecco. Insieme, grazie a un progetto condiviso, facevano tante cose: cantavano, disegnavano, giocavano a carte e facevano pure ginnastica…. Poi è arrivato il virus a separarli fisicamente, impedendo ogni contatto. Solo, ogni tanto, qualche saluto dalla finestra. I loro cuori però sono rimasti in contatto lungo tutti questi lunghi mesi: si sono scritti, videochiamati, hanno inviato canzoncine, filastrocche e fatto bellissimi disegni. Ecco un video che presenta in breve questa stupenda storia di amicizia.

READ MORE
News

Un aiuto psicologico agli “Eroi”

Celebrati come eroi in queste settimane, gli operatori sanitari hanno affrontato una situazione senza precedenti, che ha spesso provocato reazioni emotive intense che vanno monitorate per evitare che sfocino in disagi più grand o nel temuto burnout. Per questo Sacra Famiglia ha offerto nelle scorse settimane e continua a offrire ai collaboratori alcune possibilità di sostegno gratuite, in assoluto anonimato.

Il primo servizio, interno a Fondazione, è per chi si sente in difficoltà nell’affrontare l’emergenza e nel ritornare a una nuova “normalità”; previsti da 1 a 3 colloqui telefonici i cui contenuti sono protetti dal segreto professionale. Altra possibilità, esterna, è erogata da Sipem SOS Lombardia, Società Italiana Psicologi dell’Emergenza, con cui Sacra Famiglia ha stipulato una convenzione. Infine, comunità dei cappuccini di Cesano (tel. 02.45677339) offre sostegno spirituale e counseling a chi lo desidera.

READ MORE
News

Le nostre sedi «a Zero COVID»

Sono rimaste completamente immuni dal coronavirus, in questi mesi, ben 6 sedi di Sacra Famiglia: si tratta della RSD Simona Sorge di Inzago (MI), delle residenze protette per anziani di Castronno (VA), della Comunità Minori di Varese Casbeno, della RSA Borsieri di Lecco e delle RSD di Pietra Ligure e Andora (SV). Sono risultati che non arrivano per caso, e notizie che hanno trasmesso fiducia anche e soprattutto ai familiari degli ospiti. «I riconoscimenti di stima, gratitudine e affetto da parte dei familiari ci hanno sempre trasmesso coraggio e tranquillità», conferma il Direttore di Inzago Valentina Siddi. «Tutto il personale è sempre stato impegnato per assicurare ai nostri assistiti la miglior qualità di vita possibile in una situazione di emergenza, e anche se abbiamo dovuto modificare spazi e abitudini, per evitare interazioni rischiose, manteniamo uno stato emotivo gioioso e una speranza “contagiosa”».

READ MORE
News

Test Sierologici

Da fine maggio tutti i cittadini che desiderano sottoporsi ai test sierologici per la ricerca del coronavirus possono rivolgersi anche a Casa di Cura Ambrosiana, l’ospedale di Sacra Famiglia, al costo di 35 euro (30 per i residenti a Cesano). Il test rileva la presenza di anticorpi IgG totali, che rappresenta una possibile “memoria immunitaria”. Il soggetto eventualmente positivo al test deve poi obbligatoriamente essere sottoposto a tampone rino-faringeo, eseguibile sempre in Casa di Cura.
Il test è rivolto a tutti coloro che non abbiano già avuto una conferma di positività con tampone e hanno il sospetto di avere contratto l’infezione.

Le prenotazioni non si accettano allo sportello, ma solo in una delle seguenti modalità:

via whatsapp al numero 345.3870358

via mail scrivendo a: laboratorio@ambrosianacdc.it

Info: www.ambrosianacdc.it

READ MORE

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

The figurehead of the incredible 18K White gold or platinum Cartier Rêves signifiant Pantheres Look-alike Watch trip, the panther, over time, offers went from one movement to another, sometimes skeletonised, sometimes rotaing, providing rise an innovative repertoire that the most up-to-date Rêves p Pantheres enjoy belongs. The brand new Cartier Rêves p Pantheres watch introduced at the SIHH 2015 is equipped having a Forty two mm 18K white gold or platinum case established with brilliant-cut gemstones, the beaded top set which rolex replica has a brilliant-cut precious stone, sword-shaped fingers inside blued metal and a call throughout 18 karat white gold arranged along with brilliant-cut diamonds. Fully pave-set together with gemstones, this heavenly enjoy is an ode to be able to Cartier's symbolic canine. For the Rêves delaware Pantheres view, his or her silhouettes spotted using dark-colored lacquer indicate the actual timeless visual with their charming trace.