News

Convegno: una storia che guarda al futuro

«La sfida del prossimo futuro sarà quella di continuare a fornire servizi adeguati a bisogni che continuano a crescere, contando su una organizzazione sociale fragile e, al contrario, su supporti tecnologici in grande crescita»: ne è certo il professor Marco Trabucchi, già professore ordinario di Neuropsicofarmacologia nell’Università di Roma “Tor Vergata”, direttore scientifico del Gruppo di Ricerca Geriatrica di Brescia e presidente dell’Associazione Italiana di Psicogeriatria. Un tema, quello del futuro più o meno prossimo dei servizi sociosanitari, che sarà al centro del convegno “Sacra Famiglia. Una storia che guarda al futuro – Fragilità ieri e oggi” in programma il 23 settembre alle ore 21 presso il teatro Cristallo di Cesano Boscone. Trabucchi, che sarà uno dei relatori del convegno insieme al professor Enrico Palumbo, storico dell’Università IULM e Monsignor Luca Bressan, Vicario episcopale della Diocesi di Milano, precisa: «Dobbiamo tener conto, in particolare, dei cambiamenti dello stile di vita, tra i quali ha un ruolo preminente la crisi della famiglia; a questi si associano spesso comportamenti di egoismo sia individuale che delle comunità. Inoltre», continua, «è necessario considerare che siamo all’interno di un periodo di progressi scientifici inauditi per complessità e velocità, i quali avranno un ruolo preminente nell’organizzazione dei servizi (domotica, telemedicina, intelligenza artificiale, ecc)». Sacra Famiglia «luogo di imprese di generosità intelligenti per gli ultimi 125 anni», secondo il professore ha saputo «adeguarsi a ripetuti cambiamenti avvenuti dall’inizio del ‘900, sempre mantenendo fedeltà all’impegno di rispetto per la libertà e la dignità della persona fragile e mirando al massimo possibile in termine di salute e di benessere». Una ragione in più per promuovere una riflessione a tutto tondo come quella del 23, a cui sono invitati tutti gli amici di Fondazione.

Scarica la locandina con il programma completo

READ MORE
News

Siamo Fiori

Mimmo Paladino, artista tra i più noti del panorama italiano, è da tempo vicino a Fondazione Sacra Famiglia: pittore e scultore versatile, esponente della transavanguardia, fonde elementi artistici provenienti dalle più diverse aree culturali e ha sperimentato materiali e tecniche innovative. Anche lui ha deciso di donare una sua opera a Fondazione nell’ambito della nuova campagna Siamo Fiori a sostegno dei progetti per minori fragili.

Oltre a Paladino partecipano al progetto più di 40 artisti, designer e stilisti (tra cui Emilio Isgrò, Mimmo Paladino, AldoCibic, Michele de Lucchi, Marc Sadler, Fabio Novembre): ciascuno di loro sta creando un bouquet-scultura dalla forte valenza simbolica. Il fiore ha molti significati e molti sono i valori a esso associati, condivisi e vicini a quelli di Sacra Famiglia: fragilità, amore, cura, riconoscenza, bellezza e diversità.

Il progetto è realizzato in collaborazione con l’Associazione Tam Tam, con la curatela di Alessandra Zucchi e Alessandro Guerriero; lo stesso Guerriero così ha sottolineato l’anima dell’iniziativa: «La motivazione del dipinto non sta nella sua efficienza, la sua realtà consiste tutta nella cura con cui esso viene elaborato, nella poesia che esso contiene».

Info, biglietti e catalogo: rrinaldi@sacrafamiglia.org

READ MORE
Concorso fotografico-vincitoriNews

Concorso fotografico: 125anni

C’è il ragazzo con la pistola sparabolle che in un pomeriggio d’estate si diverte a scoppiarle, ci sono gli ospiti mascherati da supereroi per il Carnevale, ci sono i bambini che giocano al parco, ci sono fiori e pennelli tra le mani, sorrisi dietro le mascherine, sguardi che vogliono andare oltre lobiettivo… Sono i dodici scatti selezionati tra gli oltre 160 che hanno partecipato al primo, grande concorso fotografico indetto da Sacra Famiglia e riservato ai dipendenti e collaboratori.

Tema: il nostro 125esimo anno, che per una serie imprevedibile di eventi ha coinciso proprio con l’arrivo e il diffondersi del Covid. Un anno straordinario sotto tutti i punti di vista, che è stato immortalato da decine di fotografie scattate nelle Unità e nelle sedi: tra queste, le dodici scelte dal noto fotografo e fotoreporter Paolo Carlini andranno a illustrare i mesi del calendario 2022 di Fondazione, la cui copertina sarà composta da una trentina di altri scatti ritenuti meritevoli di una menzione speciale.

Un grazie a tutti i partecipanti innanzitutto per il loro lavoro, e poi anche per come sono riusciti a raccontarlo. 

READ MORE
News

Lotteria benefica di Sacra Famiglia

Ecco i 50 biglietti vincenti:

Lista biglietti estratti

Per il ritiro dei premi:

Grazie di cuore per aver partecipato alla prima lotteria benefica di Sacra Famiglia!

Sfoglia la gallery e scopri alcuni dei 50 fantastici premi in palio

Angelini Beauty, Cantine Ferrari, Consorzio del Formaggio Parmigiano Reggiano, Emporio Armani Etro, Furla, Gruppo Gabel, Hodeidah, La Tessitura Calabrese, Miabbono.com, Perfetti Van Melle, Rancé 1795, Ravensburger, Ray-Ban, Signorvino, Spectrum Brands Group, Tenuta Montelio, Wella, Zini Prodotti Alimentari

Angelini Beauty – Cantine Ferrari – Consorzio del Formaggio Parmigiano Reggiano – Emporio Armani – Etro – Furla – Gruppo Gabel – Hodeidah – La Tessitura Calabrese – Miabbono.com – Perfetti Van Melle – Rancé 1795 – Ravensburger – Ray-Ban – Signorvino – Spectrum Brands Group – Tenuta Montelio – Wella – Zini Prodotti Alimentari

Si ringraziano: Confcommercio Milano Lodi Monza Brianza

 

La lotteria è valida per la città di Milano e Provincia

I premi si potranno poi ritirare presso la sede di Sacra Famiglia di Cesano Boscone (Piazza Monsignor moneta 1) entro il 21 agosto 2021.

READ MORE
News

Domiciliarità: Virgilio diventa Virgilio-Covid

Servizio domiciliare_Virgilio

Il servizio Virgilio si aggiorna, rinnovandosi e potenziando l’offerta, e diventa Virgilio Covid. L’iniziativa, che dal 2015 eroga prestazioni assistenziali, infermieristiche o mediche (visite geriatriche) in regime privato al domicilio di anziani fragili, si apre anche ai pazienti positivi al Covid o a quelli in isolamento perché contatti di positivi. Virgilio COVID va così a integrare il progetto già esistente, completando la gamma di servizi.

Raggiungendo la centrale operativa di Virgilio, l’utente sarà assistito e guidato dallo staff di Sacra Famiglia, composto da figure di case manager (infermiere e assistenti sociali), che rileverà il bisogno e formulerà l’offerta più adatta alla persona, pianificando le figure professionali da inviare al domicilio: quelle a disposizione sono 13 tra OSS, geriatra, psicologo, fisioterapista, laureato in scienze motorie, terapista occupazionale e infermieri. Verrà quindi stilato un Piano di Assistenza Individualizzato a seconda del bisogno.

Particolarmente innovativa la parte di telemonitoraggio associata al servizio: all’utente è infatti affidato un tablet nel quale, attraverso credenziali di accesso personali, potrà inserire i parametri richiesti dal medico, all’interno di un portale dove l’infermiere accede e verifica l’andamento secondo la modalità prescritta, registrandoli nella scheda dedicata.

«L’emergenza sanitaria ha comportato un diradamento delle relazioni sociali che per qualcuno rischia di tradursi in isolamento», spiega Stefania Pozzati, a capo della Direzione Sociale di Sacra Famiglia. «L’isolamento dato dalla positività Covid, inoltre, rischia di trasformarsi in emarginazione sanitaria soprattutto per chi si trova in condizione di fragilità, come anziani e disabili. Virgilio Covid vuole contribuire a contrastare questo isolamento e a fornire risposte professionali e innovative, particolarmente adatte al momento storico che stiamo vivendo»

Virgilio Covid è attivo nei comuni limitrofi a Cesano Boscone oltre che nelle zone confinanti del Comune di Milano (Baggio, Bande Nere, Forze Armate, Primaticcio). Interventi in altri territori sono possibili, con remunerazioni differenti.

Per informazioni numero verde Virgilio 800 752 752

READ MORE
News

Alzheimer Lab: On the Job

ON THE JOB

Durante tutto il lockdown gli operatori del Centro Diurno Integrato Villa Sormani di Fondazione Sacra Famiglia hanno mantenuto viva la relazione con le famiglie, improvvisamente isolate a casa. Hanno ascoltato le esperienze, i bisogni e assieme hanno riprogettato alcuni importanti interventi di supporto e aiuto.
È stato così realizzato un canale YouTube contenente 100 video-tutorial rivolti ai Caregiver e alle famiglie che si occupano degli anziani fragili.

Alzheimer On The Job è un ulteriore passo avanti nel progetto Alzheimer Lab e prevede due percorsi: uno di informazione/formazione e uno di consulenza. Entrambi rivolti ai caregiver e alle persone del territorio che si occupano della cura a domicilio dell’anziano.

ON THE JOB è strutturato in 3 momenti online e 1 offline:

  1. Presentazione del lavoro svolto e delle azioni successive – ONLINE
  2. Parola all’esperto – ONLINE
  3. Incontri formativi specifici – ONLINE
  4. Sportello On The Job – OFFLINE

L’esperienza di 1 anno di assistenza a domicilio, unite alla professionalità di alcuni esperti di Sacra Famiglia offriranno uno sguardo multidimensionale sulla cura della persona fragile secondo l’Approccio Capacitante (un metodo in grado di valorizzare le risorse per mantenere il più a lungo possibile le abilità dell’anziano).

Evento lancio

4 esperti di Sacra Famiglia hanno parlato del Progetto Alzheimer Lab, dalle azioni compiute nel suo ambito e delle innovazioni comunicative di supporto all’anziano e ai caregiver durante la delicata fase della pandemia.

Guarda il video

Parola all'esperto

ore 9.45
Conoscere l’Alzheimer e altre demenze
a cura del Dott. Giardini – Medico Geriatra, Direttore Servizi Sanitari e Cure Intermedie di Fondazione Sacra Famiglia

 

La relazione e la valorizzazione della persona con demenza attraverso l’Approccio Capacitante
a cura del Dott. Serenthà – Medico Geriatra e formatore Exameron

 

Iride GhezziAttività Fisica Adattata (A.P.A.) e anziani
a cura della Dott.ssa Ghezzi – Chinesiologa e Pedagogista. Responsabile servizio “Salute in Movimento” e coordinatore servizio riabilitativo Unità Cure Intermedie di Fondazione Sacra Famiglia

 

Il vaccino Covid-19 nell’anziano
a cura del Professor Pregliasco – Virologo e Direttore Sanitario dell’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano

Incontri formativi

Iscriviti per partecipare

Iscrizione aperta dal 16 maggio e per 4 mesi

5 i temi trattati inerenti alle aree principali che convergono nella relazione di cura dell’anziano:  gli aspetti sanitari e infermieristici, gli ausili per un ambiente domestico su misura dei bisogni della persona, la dimensione psicologica e relazionale della cura nell’esperienza della demenza, le attività per valorizzazione delle competenze e l’orientamento alla rete dei servizi e dei servizi domiciliari.

CURE SANITARIE INFERMIERISTICHE E ASSISTENZIALI A DOMICILIO
a cura del Dott. Lesmo

È previsto un approfondimento di alcune problematiche legate all’assistenza a domicilio in relazione alla presenza del Covid-19, tra cui la gestione della stipsi, piaghe da decubito, somministrazione farmaci, il rischio cadute.

LA CASA: L’AMBIENTE E GLI AUSILI PER LA PERSONA
Predisporre un ambiente domestico su misura dei bisogni della persona con demenza/Alzheimer
a cura delle Terapiste Occupazionali del CDI Villa Sormani di Fondazione Sacra Famiglia

Saranno illustrate le tipologie di ausili che possono essere di supporto nel predisporre un ambiente domestico sicuro e rispettoso delle capacità della persona fragile e in supporto al compito di cura del caregiver.

COME VALORIZZARE LE COMPETENZE NEL QUOTIDIANO
Attività cognitiva di mantenimento a domicilio
a cura degli Educatori del CDI Villa Sormani di Fondazione Sacra Famiglia

Approfondimento sul tipo di proposte da svolgersi a domicilio, che possano consentire il mantenimento e valorizzare le competenze dell’anziano, in continuità con la propria storia e interessi personali e con un’attenzione alla relazione tra anziano e caregiver.

AVER CURA DELLE EMOZIONI E RELAZIONI
a cura della Dott.ssa Bana – Psicologa e Psicoterapeuta

L’esperienza di caregiver, familiari e badanti che si trovano ad affrontare bisogni e criticità nell’assistenza dell’anziano con demenza, quali: il carico emotivo, gli aspetti della delega e la gestione del disturbo del comportamento e i passaggi da seguire nel percorso di cura accanto alla persona con demenza.

COME ORIENTARSI NEI SERVIZI SUL TERRITORIO
a cura di M.P. Delle Donne – Responsabile Domiciliarità e servizio Virgilio

Come il servizio “Virgilio e Domiciliarità” di Fondazione Sacra Famiglia orienta gli utenti verso i servizi in sostegno della cura dell’anziano a domicilio.

Al termine del percorso formativo è previsto il rilascio dell’attestato di partecipazione (è necessario seguire tutti e 5 gli incontri)

SPORTELLO - On the Job

Attivazione di un numero dedicato per consulenza alle badanti e caregiver sulla gestione dell’anziano a domicilio in merito agli aspetti: assistenziali e riabilitativi, medico-sanitari, psico-educativi.

Per poter prevenire le forme di isolamento sociale e socio-assitenziale e l’istituzionalizzazione.

PER INFO

 

Cell. 3666325945 – Alzheimer on the Job (attivo da lunedì a venerdì dalle 9:00 alle 11:00)
oppure
Tel. 0245677900 / 0245677911 – CDI Villa Sormani

Grazie al contributo di

READ MORE
News

Giornata Autismo: noi ci siamo!

Da 125 anni risposte concrete ed efficaci all’autismo.
 
In occasione della Giornata Mondiale della Consapevolezza dell’Autismo la Fondazione Sacra Famiglia Onlus, che opera da 125 anni per dare risposte concrete alle fragilità di bambini, adulti e anziani, lancia un messaggio di solidarietà e un appello di raccolta fondi a sostegno delle famiglie con un figlio autistico. 1 bambino su 77 è affetto dalla Sindrome dello Spettro Autistico (SDA): un’emergenza importante che richiede progetti concreti, equipe multidisciplinari per una presa in carico globale della persona: dai servizi di counseling con interventi ambulatoriali e di rete, fino ai centri diurni e residenziali.
 
«La sfida per noi è intervenire in modo personalizzato e scientificamente validato», spiega Paola Ferrazzi, responsabile del servizio Counseling per l’Autismo di Sacra Famiglia, «per accompagnare la persona con autismo ad apprendere e sviluppare le abilità di base e quotidiane, per una vita piena, e autonoma, nel rispetto dei propri interessi, preferenze e potenzialità». Insomma, il cuore pulsante del metodo del compianto professor Lucio Moderato, il cui imperativo era prendersi cura delle persone con autismo e dei loro bisogni in ogni fase della vita: dalle abilità di base all’affettività, dall’educazione e istruzione alla  relazione sociale, dall’integrazione fino ai percorsi lavorativi. «L’intento rimane quello di dare una risposta globale a ciascuno», continua Gina Fiore, responsabile servizi Residenziali e Semi-residenziali per l’autismo e Laboratori abilitativi Arteticamente, «attraverso l’utilizzo di tecniche psicoeducative strutturate, strategie iconiche visive, task analysis, algoritmi di istruzione programmata, analisi funzionale del comportamento. E visto che nessuno di noi è uguale a un altro, per ogni persona è definito un progetto personalizzato che tiene conto di specifiche caratteristiche, potenzialità, attitudini e fragilità; un progetto che viene attuato attraverso servizi ambulatoriali, domiciliari, residenziali, semi-residenziali e l’offerta di percorsi formativi».
 
Altra caratteristica distintiva del “metodo Sacra Famiglia” è riconoscere come “opportunità terapeutiche” tutti gli spazi naturali di vita che la persona frequenta abitualmente. Scuola, lavoro, associazionismo, società diventano così ambiti in cui gli specialisti intervengono a supporto, in modo da garantire la continuità (tecnicamente «la generalizzazione») delle abilità acquisite dalla persona durante il percorso psicoeducativo, portandole fuori dagli ambulatori o dai centri specializzati.
 
Insomma, quando un ragazzo o un adulto con autismo incontra Sacra Famiglia, è sicuro – oggi come ieri – di iniziare un percorso (e prima lo si inizia, meglio è) in cui non sarà mai lasciato solo da tutta la squadra degli operatori, di qualunque supporto avrà bisogno: da quelli più “leggeri” a quelli più strutturati e totalizzanti, come le comunità.
 
Per la persona affetta da autismo, ogni istante della vita è speciale e per questo speciale e personalizzata deve essere la cura.
Fondazione Sacra Famiglia ha bisogno anche del tuo aiuto per garantire la qualità della vita a tutti.
Vuoi saperne di più? Contattaci!
Numero unico prenotazioni autismo tel. 337.1532313
READ MORE
News

Scopri la “Cena delle Meraviglie”

La “Cena delle Meraviglie” è la nuova idea di convivialità da condividere con le persone care della tua vita.
Una cena di altissima qualità, in partnership con Peck, realtà milanese affermata nel mondo dell’alta gastronomia, finalizzata al sostegno di un progetto sociale, servita direttamente a casa tua.
Un’esperienza meravigliosa, che fa davvero bene.

Vuoi organizzare una cena romantica? Oppure un pranzo tra amici?
Scegli l’esperienza Peck che desideri portare a casa tua.

Tutte le richieste possono essere personalizzate. Contattaci per trovare la tua soluzione ideale.

Fa bene a tutti

Organizzando la “Cena delle Meraviglie” sostieni le attività abilitative di Fondazione Sacra Famiglia rivolte a persone con autismo e disabilità intellettive. Le attività favoriscono il processo di apprendimento di singole abilità rispettando i tempi e le fragilità di ciascuno e accrescono la competenza e la stima di sé.

Anche Peck parteciperà insieme a te sostenendo Sacra Famiglia.

MERAVIGLIATI SUBITO! PARTECIPA ANCHE TU!

Chiama 02 456 777 89
Scrivi a Rossana Rinaldi rrinaldi@sacrafamiglia.org

loghi_Peck-FSF
READ MORE
News

Scopri i Borghi per l’abitare

Fondazione Sacra Famiglia dà vita, in provincia di Varese, a un nuovo progetto di Housing sociale: i Borghi per l’abitare. L’iniziativa vuole rispondere a un’esigenza di costruire strutture intermedie per persone con disabilità e/o fragili che abbiano competenze e autonomie tali da non richiedere la permanenza in Rsa o in altre strutture residenziali, ma che comunque non riuscirebbero ad abitare in completa autonomia e senza supporti in un proprio appartamento. Risiedendo presso I Borghi, gli ospiti possono usufruire di una serie servizi per una permanenza in completa tranquillità e serenità e, al bisogno, di ulteriori servizi a pagamento offerti da Fondazione Sacra Famiglia anche in convenzione con la rete territoriale.
Nel dettaglio, le location del progetto sono Il Borgo di Cocquio Trevisago e Il Borgo di Leggiuno, tra il Lago Maggiore e il lago di Varese; il Borgo di Cocquio è situato nel perimetro della sede di Sacra Famiglia, nei pressi dei servizi della Fondazione (mensa, ambulatorio, RSD, CDD).
A Cocquio la soluzione abitativa proposta è costituita da 7 bilocali con 2 posti letto ciascuno, accessibili e con bagno attrezzato, e una corte comune; il Borgo di Leggiuno (realizzato in collaborazione con la cooperativa Simpatia di Valmorea) è costituito da 4 appartamenti di 2 posti letto in un’intera palazzina di due piani con ascensore, e con un cortile di pertinenza.
Il progetto è rivolto a persone o coppie (anche genitore-figlio) con disabilità fisica, maggiorenni, o persone fragili che necessitano di specifici interventi di sostegno o supporto sociale; anziani soli che necessitano di un contesto di vita socializzante; famiglie fragili in condizione di disagio sociale che necessitano di una soluzione di accoglienza e un percorso di autonomia verso la re-inclusione sociale.
Per essere ammessi al progetto, i soggetti devono essere segnalati dai Servizi Sociali del proprio Comune o da un Centro Psicosociale, a cui spetta stilare una relazione sociosanitaria sulla situazione dei richiedenti; Sacra Famiglia svolgerà dei colloqui per mettere a fuoco le caratteristiche della persona e i suoi bisogni per poi stilare un progetto personalizzato per ciascuno. Il vero valore aggiunto di questo progetto di Housing sociale è, infatti, il bouquet di servizi di cui gli inquilini possono avvalersi, in base alle loro esigenze e disponibilità economiche: gli operatori che Sacra Famiglia mette a disposizione degli inquilini sono un educatore, un’assistente sociale, ASA, fisioterapista, personale amministrativo e un infermiere; a richiesta e con costi a parte, si può contare anche sulla reperibilità di un operatore 24 ore al giorno 7 giorni su 7, un servizio di pulizia settimanale dell’appartamento, la fornitura di biancheria e, solo per il Borgo di Cocquio, del consumo dei pasti in mensa.
Per informazioni: cocquio@sacrafamiglia.org
READ MORE
News

Arrivati i vaccini in Sacra Famiglia

Si è aperta col nuovo anno in Sacra Famiglia «l’era dei vaccini»: le prime immunizzazioni si sono infatti svolte quasi in tutte le sedi, in base alle indicazioni regionali. «I vaccini che finalmente stanno arrivando sono una grande opportunità perché presto si possa guardare avanti con speranza: il vaccino è la nostra sola opportunità», hanno ribadito il presidente don Marco Bove e il Direttore Sanitario Carla Dotti in una lettera congiunta a tutti i lavoratori. «È uno strumento fondamentale per proteggere noi stessi, i nostri cari e le persone affidate alle nostre cure. Siamo non solo una categoria a rischio ma, in un certo senso, una categoria privilegiata». E anche se la strada è ancora lunga – come dimostrano i ritardi nelle forniture delle fiale a livello europeo – «la nostra speranza è che entro la prossima primavera Sacra Famiglia e Casa di Cura siano in “zona sicurezza”, avendo potuto vaccinare tutti i propri lavoratori e i propri ospiti».
«Ci auguriamo che alla prima linea ne subentri una seconda, dedicata alle strutture per disabili», è l’appello che chiude la lettera citata. Anche Uneba, l’organizzazione di categoria del settore sociosanitario, ha preso posizione sottolineando l’importanza di una corretta programmazione che estenda presto i vaccini al mondo della disabilità.
READ MORE

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi

The figurehead of the incredible 18K White gold or platinum Cartier Rêves signifiant Pantheres Look-alike Watch trip, the panther, over time, offers went from one movement to another, sometimes skeletonised, sometimes rotaing, providing rise an innovative repertoire that the most up-to-date Rêves p Pantheres enjoy belongs. The brand new Cartier Rêves p Pantheres watch introduced at the SIHH 2015 is equipped having a Forty two mm 18K white gold or platinum case established with brilliant-cut gemstones, the beaded top set which rolex replica has a brilliant-cut precious stone, sword-shaped fingers inside blued metal and a call throughout 18 karat white gold arranged along with brilliant-cut diamonds. Fully pave-set together with gemstones, this heavenly enjoy is an ode to be able to Cartier's symbolic canine. For the Rêves delaware Pantheres view, his or her silhouettes spotted using dark-colored lacquer indicate the actual timeless visual with their charming trace.