News

RSA Settimo, si riparte!

RSA Settimo, si riparte!

La Residenza per Anziani di Settimo si riapre al territorio dopo la pandemia grazie al prezioso aiuto della Fondazione Comunitaria Nord Milano e al progetto RSA Community.

Gli obiettivi specifici del progetto RSA Community sono:

Migliorare la cura e il benessere generale degli anziani con Alzheimer o demenza sul territorio afferente Settimo Milanese, attivando laboratori di stimolazione cognitiva e sensoriale a cadenza settimanale di pet therapy, musicoterapia e danzaterapia.

Sviluppare e sostenere una rete di supporto ai caregiver di anziani con Alzheimer o demenza nella comunità, promuovendo lo Spazio Caregiver e incontri con esperti sull’Approccio Capacitante.

Promuovere la nascita di una RSA Community che diffonda e sostenga la cura di comunità degli anziani fragili, attivando le risorse territoriali quali il volontariato, altri enti non profit e i donatori.

READ MORE
Domiciliarità

Ritornare a casa in modo graduale: la storia di Michele

Ritornare a casa in modo graduale: la storia di Michele

Oggi vi raccontiamo la seconda storia di Michele, felice in mezzo al fratello Andrea e alla fidanzata Sabrina, in un’uscita propedeutica a quella che è l’azione dell’educatore a domicilio.

Michele è un ospite della residenza disabili di Intra di Sacra Famiglia, che accompagnato dall’educatrice si è incontrato con i suoi familiari e si è goduto la loro compagnia al di fuori del solito contesto, per poter ricostruire in maniera graduale la possibilità di ritornare a casa ogni tanto.

Questa azione realizzata nell’ambito dello stesso progetto “Verso il Dopo di Noi con educatore a domicilio e weekend di semi-autonomia” grazie al supporto di Fondazione VCO, mira al recupero delle autonomie relazionali e sociali degli ospiti, che con il periodo della pandemia sono state fortemente indebolite.

Il sorriso di Michele è una gioia per i nostri cuori!

READ MORE
Centro estivo

FINALMENTE ANCHE NOI SAPPIAMO

“FINALMENTE ANCHE NOI SAPPIAMO” 

I genitori coinvolti attivamente nello scambio di informazioni

I genitori dei bambini autistici sono abituati a convivere con timore e preoccupazione soprattutto quando affidano i loro cari ad altre persone. La possibilità di garantire loro uno scambio comunicativo puntuale ed empatico permette di abbassare il livello di ansia cha accompagna il distacco.

  • I genitori delle persone autistiche devono essere ascoltati. Sono i maggiori esperti dei loro figli, il “filo rosso” che unisce ogni episodio della loro vita, sono una fonte di informazioni insostituibile che permette di strutturare interventi educativi su misura.
  • I genitori delle persone con autismo devono essere informati. Quello che succede ai bambini quando sono lontani da loro deve essere raccontato. Devono sapere se qualcosa non è andato per il verso giusto, per sintonizzarsi con il loro umore al rientro a casa, e devono conoscere le loro conquiste per accoglierle con orgoglio.

Per garantire tutto ciò abbiamo unito la forza della tecnologia e l’iniziativa dei nostri operatori. E’ stato infatti creato un gruppo WhatsApp con le famiglie dei bambini presenti affinché possano constatare in tempo reale ciò che stiamo facendo attraverso le fotografie. Inoltre alla fine di ogni giornata prevediamo un momento di “restituzione”, in cui si racconta individualmente ad ogni famiglia come è andata la giornata del figlio.

A conclusione di questo importantissimo scambio di informazioni, ogni venerdì, alla chiusura della settimana ci si ritrova insieme a tutti i genitori a rivivere i momenti salienti della settimana, condividere idee, esperienze, sensazioni e gli strumenti visivi utilizzati per raggiungere gli obiettivi di autonomia che ci si è proposti.

Nel nostro progetto di counseling, come nel centro estivo, vogliamo fortemente che la famiglia SAPPIA, COLLABORI e CRESCA insieme a noi. Lo riteniamo fondamentale per la realizzazione del progetto di vita, che parte da un “qui ed ora”.

I genitori si sono dimostrati felici e grati di questa organizzazione e coinvolgimento. Molti di loro hanno dichiarato di aver preso spunto dalle numerose attività offerte, per replicarle anche a casa.

READ MORE
Centro estivo

“RIESCO A FARCELA DA SOLO?” UN GELATO AL BAR

“RIESCO A FARCELA DA SOLO?” UN GELATO AL BAR!

Per un genitore non c’è bene più prezioso di sapere che il proprio figlio un giorno saprà “cavarsela da solo”.

Pensiamo all’autonomia personale come ad un edifico: la comunicazione rappresenta le fondamenta, indipendentemente dal tipo di canale utilizzato. Le abilità, come chiedere aiuto, fare richieste o esprimere bisogni, sono le porte che ci aprono verso il mondo e ci preparano alla variabilità che lo caratterizza. L’autodeterminazione è al centro: quindi l’adulto che si sostituisce al bambino pensando di compensare una fragilità diventa chi sceglie per il bambino senza volerlo.

Parte del nostro lavoro è assicurarci che la persona autistica abbia una vita soddisfacente, in cui, in mezzo alle fatiche nella rincorsa dell’adattamento, ci sia spazio per momenti di appagamento e felicità.

Abbiamo unito questi importanti aspetti dell’autonomia in un’attività molto semplice: prendere il gelato.

L’autodeterminazione si esprime nella possibilità di SCEGLIERE DA SOLI il tipo di gelato gradito, attraverso una selezione visiva di 5 tipologie presenti al Bar interno di Fondazione Sacra Famiglia.

La comunicazione si sperimenta nella richiesta al barista tramite linguaggio verbale o attraverso le immagini che fungono tramite comunicativo, permettendo di superare le difficoltà linguistiche del bambino; questo consente la conferma visiva del proprio desiderio, senza la mediazione dell’adulto.

Questa meravigliosa opportunità garantisce anche uno scambio comunicativo diretto con una persona estranea al gruppo dei caregivers rendendo i bambini consapevoli di poter effettuare scambi efficaci con gli altri.

“Voglio un gelato?” scelgo quello che VOGLIO IO e posso ottenerlo richiedendolo con i miei mezzi!”

E’ da piccole cose che nascono l’autonomia e l’autodeterminazione.

Cosi non appena abbiamo inviato le immagini alle famiglie, abbiamo ricevuto messaggi emozionanti, quelli belli che ripagano e fanno capire che il lavoro procede nella giusta direzione.

Gabriele non aveva mai assaggiato un gelato, oggi si è unito al gruppo spontaneamente e la mamma ci scrive “…vedere Gabriele che prova ad assaggiare il gelato mi riempie di gioia!”.

E’ stessa gioia che proviamo anche noi nell’esperienza con questi bambini.

Segui il Centro Estivo per l’Autismo

READ MORE
News

“Verso l’autonomia” negli appartamenti didattici di Blu home!

“Verso l’autonomia” negli appartamenti didattici di Blu home!

Il progetto “Verso l’autonomia” negli appartamenti didattici di Blu home nasce dall’idea di individuare un luogo che permetta ai ragazzi con autismo di fare esperienze al di fuori dell’ambito familiare in spazi e tempi nei quali esprimere i propri bisogni e i propri desideri con il massimo grado di autonomia possibile.

Scegliere gli indumenti, farsi la doccia, fare la spesa, preparare i pasti, riordinare gli ambienti, rispettare le regole di casa, sono tutte autonomie che durante il soggiorno negli appartamenti didattici di Blu home vengono acquisite e stimolate utilizzando strategie di intervento specifiche (agenda iconica, task analysis, supporti visivi, …).

Durante il giorno non mancano ovviamente i momenti di relax ma anche di socializzazione e divertimento. E così le giornate scorrono tra attività domestiche organizzate in turni (dal rifare il letto al passare l’aspirapolvere, pulire il bagno, stendere i panni, …), uscite sul territorio per fare la spesa, preparazione di semplici ricette, giochi di piccolo gruppo, e, perché no, anche momenti di musica e ballo. E in una location così suggestiva non può mancare una passeggiata sul lungo lago e una pizzata in giardino!

E’ per questo che il progetto “Verso l’autonomia” rappresenta un’opportunità per sperimentarsi e scoprirsi capaci di fare e di imparare!

Un ringraziamento speciale va a chi ha creduto in questo progetto, ai genitori che si sono affidati a noi, ma soprattutto, per questa prima esperienza, a Matteo, Riccardo, Mattia che hanno accettato e vinto questa sfida!

Guarda il video:

Sostieni gli appartamenti didattici:

READ MORE
Centro estivo

CENTRO ESTIVO AUTISMO: Mangiamo Insieme

Centro Estivo Autismo: “MANGIAMO INSIEME”

Il momento del pasto è tanto importante quanto delicato, perché porta con sé la soddisfazione di un bisogno primario ma è allo stesso tempo pieno di abilità da apprendere e obiettivi trasversali da raggiungere.

Pranzare non è solo portare il cibo alla bocca, è comunicazione, socializzazione e ricchezza di stimoli. Tutto questo accade nello stesso momento e diventa difficile per un bambino autistico non agitarsi.

E’ quindi importante che i bambini possano vedere quando si mangia (immagine in agenda), dove si mangia (tovaglietta apposita), cosa si mangia (menù visivo).

Per questa ragione abbiamo costruito un menù visivo giornaliero, personalizzato per ogni bambino sulle scelte dei genitori. Abbiamo inoltre creato le tovagliette parlanti che aiutano nella comunicazione e nelle richieste e le storie sociali che spiegano ai bambini il momento del pasto.

La possibilità di vedere e prevedere, aiuta ad abbassare i livelli di ansia e quindi evita l’insorgere dei comportamenti disadattivi.

comandi visivi a loro disposizione, possono guidarli nel chiedere il bis, nel chiedere aiuto e nel dire basta. I bambini possono chiedere il pane e l’acqua e possono capire facilmente la sequenza delle pietanze.

Così accade che oggi un bimbo, i cui genitori avevano scelto un menù a base di pasta in bianco e prosciutto, guardando i compagni mangiare pasta al pomodoro e cosce di pollo: si alzi e afferri l’immagine del pollo dal menù accanto al suo e la sostituisca a quella del prosciutto, chiarendoci senza ombra di dubbio la sua richiesta e il suo desiderio.

Un esempio di cosa significhi comunicare per chi ancora non riesce ad usare il linguaggio.

La prevedibilità, aiuta a spostare l’attenzione sugli elementi di convivialità, consentendo al pasto di diventare una situazione sociale, piena e adattiva.

E le foto di bambini composti e ordinati mentre mangiano insieme, dimostrano che questo è possibile!

 

Segui il Centro Estivo di Sacra Famiglia!

READ MORE
Centro estivo

CENTRO ESTIVO AUTISMO: L’organizzazione degli spazi

CENTRO ESTIVO AUTISMO: L’organizzazione degli spazi.

“SAPERE, IMMAGINARE, FARE, VEDERE”

Il campo base del Centro Estivo sarà il salone del Volontariato, nel cuore di Fondazione Sacra Famiglia.

Si parte il 4 luglio, e le settimane precedenti sono state in gran parte dedicate dagli Operatori del Counseling, alla preparazione dei materiali e degli ambienti: pensieri, organizzazione, acquisti e pianificazione.

Nella nostra formazione e professionalità c’è tutto quello che serve: il nostro SAPERE e la nostra IMMAGINAZIONE.

Rumori, confusione e imprevedibilità. Per una persona autistica un centro estivo può non essere un’esperienza divertente.

Dobbiamo pensare alla particolarità di ogni bambino, per proporre attività coinvolgenti che consentano ad ognuno di partecipare in modo piacevole, sperimentando le proprie abilità e godendo di questa nuova esperienza. Una carta di Identità speciale li accompagnerà in tutto il percorso.

Il salone è una tavolozza vuota, tutta da riempire e costruire. “Niente affatto adatta a dei bambini autistici!” dice uno degli assistenti ASA che affiancherà i bambini.

Ma noi non ci spaventiamo! E’ proprio quello che facciamo ogni giorno, nelle case e nelle scuole!

Ci dividiamo i compiti: definiamo i gruppi, impostiamo lo spazio, creiamo gli angoli tematici. La frenesia del lavoro assorbe ciascuno in maniera così potente, che non ci si guarda attorno. Il nostro FARE.

Al termine di questa ultima giornata di formazione e preparazione ci guardiamo attorno e la sala è trasformata. L’ottimo lavoro svolto da tutti l’ha resa perfetta.

Ora non ci resta che VIVERLA… che l’avventura abbia inizio!

 

Segui il Centro Estivo di Sacra Famiglia!

READ MORE
News

Blu Home – Appartamenti didattici Autismo

“Sono Samantha, la mamma di Matilde di 6 anni”.

Oggi vi parliamo dell’esperienza negli appartamenti didattici di bluHome della famiglia di Samantha e della piccola Matilde.

Cos’è BluHome? L’innovativo progetto didattico di abilitazione intensiva BluHome è unico in Europa ed è stato studiato e realizzato per aiutare i genitori di bambini e ragazzi con autismo a migliorare le capacità di gestione della quotidianità. BluHome è una casa con 4 appartamenti didattici, strutturati come normali abitazioni ma arredati con particolari accorgimenti autismo friendly e dotati di sistemi domotici. Un circuito di registrazione audio e video installato in ciascun appartamento permette di monitorare, ascoltare e capire i comportamenti di genitori e figli per aiutarli a vivere meglio.

“Abbiamo iniziato questo bellissimo percorso che mi sento di consigliare a tutti, non ci sono parole per esprimere quello che per noi è stato”, dice Samantha emozionata.

I genitori sono i veri protagonisti, insieme all’équipe di Sacra Famiglia, del percorso di comprensione e miglioramento. Sono infatti dotati di auricolari con cui ricevere istruzioni e indicazioni dagli educatori nella control room. Tutti i dati vengono poi registrati dal sistema al fine di rintracciare facilmente eventi significativi della giornata o anche solo per quantificare e datare i tentativi fatti dalla famiglia per aiutare il proprio figlio.

“Questo tipo di percorso serve moltissimo alle famiglie, per non farle sentire sole. Abbiamo ricevuto e percepito un grosso aiuto per la nostra piccola e anche per noi”. Conclude Samantha.

Guarda l’intervista completa:

Sostieni gli appartamenti didattici:

READ MORE
News

Lotteria benefica di Sacra Famiglia

DIAMO FORZA ALLA FRAGILITA’

Fondazione Sacra Famiglia organizza una Lotteria di Beneficenza per sostenere le attività abilitative degli ospiti fragili che accoglie, assiste e cura ogni giorno. I laboratori favoriscono l’apprendimento di singole attività, accrescono l’autonomia e favoriscono le relazioni, nel rispetto dei tempi e delle fragilità di ciascun ospite. Per ogni biglietto della lotteria è richiesta una donazione minima di 3€. MINIMO DI ACQUISTO PER PERSONA 2 BIGLIETTI PER UNA DONAZIONE TOTALE DI 6 EURO.

Ecco i 10 biglietti vincenti: Scoprili ora!

Per il ritiro dei premi:

Grazie di cuore per aver partecipato alla prima lotteria benefica di Sacra Famiglia!

ALCUNI ESEMPI DI COME LA TUA DONAZIONE PUO’ FARE LA DIFFERENZA:

–        con 2 biglietto: doni 4 pennelli da pittura su stoffa

–        con 4 biglietti: doni 2 bustine da 500 gr di perline per creare dei “gioielli creativi”

–        con 10 biglietti: doni del materiale per la falegnameria (viti, colori)

E per te abbiamo in serbo TANTI FANTASTICI PREMI dalle migliori marche:

Emporio Armani, La Tessitura Calabrese, Rancé, Ray-Ban, Cantine Ferrari, Peck, Mondadori, Trussardi…

Per info e concordare la data del ritiro del tuo premio chiama il numero 3382977481 o scrivi a lotteria@sacrafamigia.org

Sfoglia la gallery e scopri alcuni dei fantastici premi in palio

Angelini Beauty – Cantine Ferrari – Mondadori – Emporio Armani – La Tessitura Calabrese – Peck – Rancé 1795 Ray-Ban

Acquista biglietto

La lotteria è valida per la città di Milano e Provincia

I premi si potranno poi ritirare presso la sede di Sacra Famiglia di Cesano Boscone (Piazza Monsignor moneta 1)

READ MORE
News

FESTIVAL IN & OUT – AUTISMO

FESTIVAL IN & OUT

Si è da poco concluso a Milano IN&AUT, il primo festival dedicato a «Inclusione e Autismo», che ha visto riuniti alla Fabbrica del Vapore i principali attori dell’universo autismo.

Sacra Famiglia ha partecipato al Festival da protagonista, con uno stand espositivo e due relatori: la Direttrice dei Servizi Innovativi per l’autismo Monica Conti, intervenuta sul tema “Disturbi dello spettro autistico: la diagnosi e la presa in carico” al Tavolo scientifico del 13 maggio, e Lorenzo Fronte, coordinatore delle Sedi Varesine, che domenica 15 ha presentato il Progetto Blu Home, un’esperienza di riabilitazione immersiva unica in Italia a favore delle famiglie di bambini con autismo.

A portare al Festival la propria esperienza di papà di un ragazzo autistico è stato anche Paolo Caimi, presidente del Comitato Parenti di Sacra Famiglia. «Siamo felici di aver partecipato a questo evento», dichiara Monica Conti, «che ha rappresentato sicuramente un importante momento di confronto tra diverse voci, sia a livello scientifico che sociale e istituzionale».
IN&AUT è stato dedicato alla memoria di Lucio Moderato, l’indimenticato Direttore dei Servizi Innovativi per l’autismo di Fondazione nonché punto di riferimento di migliaia di famiglie, mancato un anno e mezzo fa.

READ MORE
Privacy Policy
The figurehead of the incredible 18K White gold or platinum Cartier Rêves signifiant Pantheres Look-alike Watch trip, the panther, over time, offers went from one movement to another, sometimes skeletonised, sometimes rotaing, providing rise an innovative repertoire that the most up-to-date Rêves p Pantheres enjoy belongs. The brand new Cartier Rêves p Pantheres watch introduced at the SIHH 2015 is equipped having a Forty two mm 18K white gold or platinum case established with brilliant-cut gemstones, the beaded top set which rolex replica has a brilliant-cut precious stone, sword-shaped fingers inside blued metal and a call throughout 18 karat white gold arranged along with brilliant-cut diamonds. Fully pave-set together with gemstones, this heavenly enjoy is an ode to be able to Cartier's symbolic canine. For the Rêves delaware Pantheres view, his or her silhouettes spotted using dark-colored lacquer indicate the actual timeless visual with their charming trace.